I KPI della supply chain per migliori risultati aziendali

Sam Phipps

Ultimo aggiornamento: September 12, 2023 | 4 min
Sam Phipps Slimstock Round

I KPI della supply chain per migliori risultati aziendali

“Ciò che non può essere misurato non può essere migliorato”. Questo adagio senza tempo vale praticamente per ogni processo aziendale, compresa, ovviamente, la gestione delle scorte.

Abbracciando questo concetto e riconoscendo che il miglioramento continuo è un principio fondamentale per qualsiasi leader di alto livello della supply chain, i KPI per la gestione delle scorte diventano essenziali.

Cosa sono i KPI della supply chain?

Un Key Performance Indicator (KPI) è una misura di prestazione cruciale che comprende una serie di metriche. Vengono utilizzati per acquisire informazioni sull’efficacia e la produttività delle attività aziendali. Inoltre, la sua stessa definizione delinea gli obiettivi aziendali.

Quando applichiamo questo concetto alla gestione delle scorte, il KPI serve a misurare le nostre prestazioni in questo settore. Indica quanto stiamo raggiungendo i nostri obiettivi in termini di gestione della supply chain.

Come definire i KPI della supply chain

I Key Performance Indicator (KPI) sono metriche utilizzate per valutare le prestazioni e l’efficacia dei vari aspetti di una supply chain. I KPI della supply chain aiutano le organizzazioni a misurare la loro efficienza, a identificare le aree di miglioramento e a prendere decisioni basate sui dati per ottimizzare i processi della supply chain.

In sostanza, i KPI’s dovrebbero essere alla base di una gestione efficace della supply chain:

Garantire un flusso regolare di materiali lungo tutta la supply chain.

Per supportare un processo decisionale efficace lungo tutta la supply chain.

Per garantire la disponibilità del prodotto.

Supply Chain Kpis

10 esempi di KPI per la supply chain

I KPI specifici possono variare a seconda del settore, degli obiettivi aziendali e della natura della supply chain, ma alcuni KPI comuni della supply chain sono i seguenti:

  1. Perfect Order Rate (POR):Questa metrica calcola la percentuale di ordini consegnati senza errori, come prodotti errati, discrepanze di quantità o danni.
  2. On-Time Delivery (OTD): La puntualità di consegna (OTD) misura la percentuale di ordini o spedizioni che vengono consegnati ai clienti entro la data di consegna concordata o promessa. Valuta la capacità della supply chain di evadere gli ordini dei clienti entro i tempi previsti, garantendo che i prodotti o i servizi arrivino ai clienti come previsto, senza ritardi.
  3. Order Fulfilment Cycle Time (Tempo di ciclo di evasione dell’ordine):Come misura dell’efficienza di evasione, il tempo di ciclo di evasione degli ordini misura il tempo impiegato dalla ricezione di un ordine alla consegna del prodotto al cliente. Un tempo di ciclo più breve indica una maggiore efficienza nell’evasione degli ordini.
  4. Lead Time (Tempo di consegna): Misura il tempo che intercorre tra l’invio di un ordine a un fornitore e la ricezione della merce. Un lead time più breve significa generalmente una supply chain più reattiva.
  5. Supplier On-Time Delivery (Consegna puntuale del fornitore):La puntualità dei fornitori misura la percentuale di ordini consegnati puntualmente dai fornitori.
  6. Cash-to-Cash Cycle Time (C2C): Tempo di ciclo cash-to-cash: misura il tempo necessario a un’azienda per convertire l’investimento in capitale circolante in magazzino in contanti attraverso le vendite. Un ciclo C2C più breve indica una migliore gestione del flusso di cassa.
  7. Supply Chain Cost: La metrica analizza il costo totale associato alla gestione della supply chain, compresi i costi di approvvigionamento, trasporto, stoccaggio e distribuzione.
  8. Utilizzo del magazzino: Questa metrica KPI valuta l’efficienza dell’utilizzo dello spazio di magazzino, indicando quanto efficientemente viene utilizzato lo spazio disponibile per lo stoccaggio e la distribuzione.
  9. Backorder Rate (Tasso di arretrati):Il tasso di arretrati misura la percentuale di ordini dei clienti che non possono essere evasi immediatamente a causa di scorte insufficienti.
  10.  Forecast Accuracy (Accuratezza delle previsioni):Questa metrica valuta l’accuratezza delle previsioni della domanda rispetto alle vendite effettive. Un’elevata accuratezza delle previsioni aiuta a evitare l’eccesso di scorte o l’esaurimento delle scorte.

L’impatto di KPI significativi per la Supply Chain: Un esempio di cliente reale

Da oltre 40 anni, Nisa si impegna a fornire tutto ciò di cui i rivenditori indipendenti hanno bisogno per prosperare in un mercato alimentare sempre più competitivo. Con una rete crescente di 4.000 negozi indipendenti e oltre 1.400 partner in tutto il Regno Unito, Nisa si impegna a fornire un livello di servizio eccezionale e una disponibilità senza pari.

Tuttavia, come sottolinea Nick Stockdale, responsabile della supply chain di Nisa: “Siamo sempre alla ricerca di modi per migliorare la disponibilità dei prodotti, ridurre i costi e aggiungere valore ai nostri clienti. Tuttavia, con flussi di domanda complessi e un assortimento in continua crescita, dovevamo prendere provvedimenti per snellire le nostre operazioni”.

Da quando ha unito le forze con Slimstock, Nisa ha ristrutturato le sue attività e aggiornato molti dei suoi KPI.

Spiegando come il successo dell’implementazione di Slim4 abbia aiutato il team di pianificazione ad avere un quadro più chiaro delle proprie prestazioni, Louise aggiunge: “Ora siamo in grado di tracciare facilmente i flussi di domanda delle nostre operazioni di vendita al dettaglio, all’ingrosso e di prevendita. Di conseguenza, ora possiamo allineare le nostre decisioni di acquisto con l’obiettivo strategico dell’azienda”.

 

5 KPI critici per la gestione delle scorte

Mentre i KPI della supply chain si concentrano sulla valutazione delle prestazioni complessive dell’intera supply chain, i KPI dell’inventario ruotano principalmente intorno alla gestione e al controllo dei livelli di inventario all’interno di un’azienda. Ecco alcuni esempi di alcune delle più comuni metriche di gestione delle scorte:

Inventory Turnover Ratio (ITR)

L’ITR (Inventory Turnover Ratio) aiuta a valutare la frequenza con cui le scorte di magazzino devono essere vendute o convertite. Indica la frequenza con cui possiamo vendere il nostro inventario ogni anno in base al capitale circolante investito nel magazzino. Per calcolare l’ITR, si utilizza la seguente formula, dividendo il costo del venduto (COGS) per l’investimento medio in magazzino.

Indice di rotazione del magazzino = Costo del venduto (COGS)/valore medio del magazzino.

Benchmark: Non esiste un parametro di riferimento specifico per l’ITR (inventory turnover ratio). I leader di prodotto nel mercato dei pezzi di ricambio ritengono in genere soddisfacente un ITR di 3-4. Le organizzazioni che si concentrano sull’eccellenza operativa, come le compagnie aeree low-cost o i grossisti, mirano a un ITR di 8-9. I distributori che trattano un’ampia gamma di marchi e si sforzano di soddisfare le richieste dei clienti puntano a un ITR di circa 5-7. La scelta del valore ITR è strettamente correlata al margine lordo generato dalle unità di stoccaggio (SKU).

Turn/Earn Index (TEI)

L’indice TEI (Turn/Earn Index) valuta il margine lordo e il fatturato. La logica del TEI è quella di aiutare a ottimizzare le decisioni relative alle SKU a basso margine, per le quali è necessario un elevato turnover delle scorte. Questa metrica aiuta anche i team di pianificazione a gestire SKU ad alta marginalità, mantenendo un livello di redditività accettabile con una rotazione delle scorte molto più bassa.

TEI = (ITR) x (% del profitto lordo) x 100

Benchmark: Un TEI compreso tra 150 e 180 sarebbe ideale per bilanciare il margine lordo e le scorte. Ad esempio, un TEI di 160 può essere interpretato come un margine del 20% e una rotazione del magazzino 8 volte all’anno. Può anche essere interpretato come un margine del 40% e una rotazione del magazzino 4 volte all’anno.

New call-to-action

Gross Margin Return on Investment (GMROI)

GMROI è l’acronimo di margine lordo di ritorno sull’investimento. Misura la quantità di profitto lordo guadagnato per ogni Euro, GBP o dollaro investito in magazzino. Per calcolare il GMROI, si divide l’utile lordo per l’investimento medio in magazzino.

Monitorare il GMROI ogni mese è fondamentale per capire quale SKU o marchio genera i maggiori profitti.

GMROI: Profitto lordo/costo medio di magazzino

Benchmark: Raggiungere un GMROI compreso tra 200 e 225 sarebbe considerato eccellente in termini di generazione di guadagni lordi consistenti. Tuttavia, la determinazione di una cifra target dipende dal contesto dell’azienda.

Days of Supply (Giorni di fornitura)

I giorni di rifornimento sono un KPI molto utilizzato dai responsabili delle scorte. Aiuta a misurare l’efficienza della supply chain. Il suo calcolo consiste nel dividere la giacenza media in magazzino (in valore) per la domanda media mensile (in valore) e poi moltiplicare il risultato per trenta (se misurato mensilmente).

Giorni di fornitura: Inventario medio/Domanda mensile x 30

Benchmark: Non esiste un obiettivo specifico per i giorni di fornitura. Dipende dal contesto aziendale. Tuttavia, il confronto con le previsioni di vendita per i prossimi mesi (in valore) fornirà indicazioni preziose per mantenere il livello di scorte adeguato per migliorare la gestione mensile delle scorte.

È importante notare che i giorni di fornitura da soli non indicano quanto le nostre scorte saranno in linea con la domanda. Per questo è necessario considerare la velocità delle scorte.

Dove si collocano i KPI di gestione delle scorte nella piramide dei KPI?

La piramide dei KPI è uno strumento di gestione per misurare e valutare le prestazioni di un’organizzazione, di un dipartimento o di un progetto a vari livelli gerarchici.

Questa piramide è progettata con livelli distinti di indicatori, ognuno dei quali offre diversi gradi di dettaglio e significato strategico (strategico, tattico o operativo).

Nel contesto dei KPI di gestione delle scorte, essi possono anche essere classificati in base alla loro posizione all’interno della piramide.

Kpi Pyramid

KPI di gestione delle scorte a livello strategico

Al vertice della piramide troviamo i KPI strategici associati alla gestione delle scorte. Questi indicatori sono strettamente legati agli obiettivi generali dell’azienda in materia di inventario e logistica. Ecco alcuni esempi:

Rotazione delle scorte: Come già detto, questa metrica calcola la rapidità di vendita delle scorte in un determinato arco di tempo. Offre indicazioni sull’efficienza della gestione delle scorte e sulla domanda di prodotti.
Livello di servizio al cliente: Questo KPI valuta la capacità dell’azienda di soddisfare la domanda dei clienti garantendo un inventario adeguato e tempestivo.
Costo del magazzino: Questo indicatore fornisce una visione completa delle spese totali sostenute per la gestione delle scorte. Comprende fattori quali lo stoccaggio, l’obsolescenza e le differenze inventariali.

KPI di gestione delle scorte a livello tattico

A questo livello, abbiamo KPI che si concentrano su aspetti specifici della gestione delle scorte. I manager e i responsabili della logistica o dei reparti di magazzino possono trarre informazioni preziose da questi indicatori. Ecco alcuni esempi:

Accuratezza delle previsioni: Questa metrica valuta la capacità dell’azienda di prevedere la domanda futura e di apportare le necessarie modifiche alle scorte.
Tasso di evasione degli ordini: Questo KPI valuta la percentuale di ordini consegnati puntualmente e integralmente.

KPI di gestione delle scorte a livello operativo

Alla base della piramide si trovano i KPI operativi più complessi, strettamente legati alle attività quotidiane di gestione del magazzino. Questi indicatori sono importanti per i team e i dipendenti direttamente coinvolti nella gestione del magazzino. Ecco un paio di esempi:

Accuratezza dell’inventario: Questa metrica valuta l’accuratezza del conteggio dell’inventario fisico rispetto alle registrazioni nel sistema.
Tasso dei resi: Questo KPI misura la quantità di prodotti restituiti e il loro impatto sull’inventario.

Supply chain KPIs takeaways

I KPI della supply chain svolgono un ruolo fondamentale nel monitoraggio e nel miglioramento delle prestazioni aziendali. Tuttavia, è fondamentale riconoscere che ogni azienda e ogni settore sono unici, il che comporta una diversa rilevanza e importanza dei singoli KPI. Un KPI che è pertinente per un’azienda in un momento specifico può non avere la stessa rilevanza un anno dopo.

La necessità di misurare: “Ciò che non può essere misurato non può essere migliorato”. Una gestione efficace delle scorte si basa sulla misurazione continua per il miglioramento.

Definizione di KPI: I KPI sono metriche di performance che forniscono informazioni sull’efficacia e la produttività dei processi aziendali, delineando essenzialmente gli obiettivi aziendali.

Ruolo dei KPI della supply chain: Valutano le prestazioni della supply chain, contribuendo a un processo decisionale efficace, assicurando un flusso regolare di materiali, garantendo la disponibilità dei prodotti e assicurando la soddisfazione dei clienti.

Esempi di KPI della supply chain: Alcuni KPI comuni sono il Perfect Order Rate, l’On-Time Delivery, il Tempo di ciclo di evasione degli ordini, il Lead Time, la Consegna puntuale del fornitore, il Cash-to-Cash Cycle Time, il Supply Chain Cost, l’utilizzo del magazzino, il Tasso di arretrati e l’accuratezza delle previsioni.

KPI di gestione dell’inventario: Sono metriche che si concentrano sul controllo e sulla gestione dei livelli di inventario. Tra gli esempi si possono citare l’Inventory Turnover Ratio, l’Indice TEI (Turn/Earn Index), il Gross Margin Return on Ivestment e i Giorni di fornitura.

Piramide di KPI: Si tratta di uno strumento gerarchico che misura e valuta le prestazioni a diversi livelli. I KPI di gestione delle scorte possono essere classificati in livelli strategici, tattici e operativi.

La mutevole rilevanza dei KPI: È essenziale capire che l’importanza di un KPI può cambiare in base alle circostanze dell’azienda e al contesto del settore.

Raccomandazione: Assicuratevi di avere una serie di KPI stabiliti, ma rivedeteli periodicamente per assicurarvi che rimangano pertinenti e riflettano gli obiettivi e le sfide aziendali attuali.

New call-to-action

Supply chain kpis FAQs

Cosa sono i KPI della supply chain?

Un indicatore di prestazione chiave (KPI) è una misura di prestazione che comprende un insieme di metriche. Nel contesto della gestione delle scorte, i KPI della supply chain misurano il grado di raggiungimento dei nostri obiettivi di gestione, aiutando le aziende a comprendere l’efficienza, l’efficacia e la produttività dei loro processi di supply chain.

In che modo i KPI della supply chain differiscono da quelli della gestione delle scorte?

I KPI della supply chain valutano le prestazioni complessive dell’intera supply chain. Al contrario, i KPI di inventario si concentrano principalmente sulla gestione e sul controllo dei livelli di inventario all’interno di un’azienda. Esempi di KPI della supply chain sono il Tasso di ordine perfetto e la Puntualità di consegna, mentre i KPI della gestione delle scorte possono includere il Rapporto di rotazione delle scorte e i Giorni di rifornimento.

In che modo un’azienda dovrebbe definire e stabilire KPI significativi per la supply chain?

I KPI devono garantire un flusso regolare di materiali e sostenere un processo decisionale efficace lungo tutta la supply chain end-to-end, garantire la disponibilità dei prodotti e assicurare la soddisfazione dei clienti. I KPI specifici scelti da un’azienda dipendono dal settore, dagli obiettivi aziendali e dalla natura della supply chain.

Cosa si intende per piramide di KPI nel contesto della gestione delle scorte?

La piramide dei KPI serve come strumento di gestione per misurare e valutare le prestazioni a vari livelli gerarchici: strategico, tattico o operativo. In termini di gestione del magazzino, i KPI sono classificati in base alla loro collocazione all’interno della piramide. Ad esempio, i KPI di livello strategico sono strettamente legati agli obiettivi generali dell’azienda in materia di inventario, mentre i KPI di livello operativo si concentrano sulle attività quotidiane di inventario.

Perché è essenziale rivedere periodicamente i KPI della supply chain?

L’importanza e la rilevanza dei KPI possono cambiare in base alle circostanze dell’azienda e ai cambiamenti del settore. Ciò che è pertinente per un’azienda in un momento specifico potrebbe non avere la stessa rilevanza in seguito. Una revisione regolare di questi KPI assicura che rimangano allineati con gli obiettivi e le sfide aziendali attuali.

Seleziona la tua localizzazione per vedere contenuto specifico al tuo paese

x