10 modi per sbloccare il capitale circolante e trasformare le prestazioni finanziarie della tua supply chain

Sam Phipps

Ultimo aggiornamento: January 8, 2024 | 4 min

Una checklist in 10 passi per far decollare il tuo capitale circolante

I costi della supply chain sono in aumento in tutto il mondo. E come molti dei tuoi concorrenti, probabilmente hai pensato a come investire il tuo capitale circolante.

In questo periodo stai:

  • Ripensando le tue decisioni sull’inventario?
  • Spostando le attività verso destinazioni più economiche?
  • Pensando a una supply chain più locale?

Oppure stai pensando come Mr Musk e stai progettando di fuggire su Marte, solo per riposare la mente?

Prima che tu faccia le valigie con le lacrime agli occhi, ecco un antidoto alla tua preoccupazione.

In termini di regole per i tuoi ricavi, è molto probabile che il tuo budget sia radicalmente diverso da come appariva prima della pandemia, sia per quanto riguarda la performance aziendale complessiva, che per i reparti o i prodotti.

Quando si parla di supply chain, ci sono buone opportunità per tagliare i costi e sbloccare il capitale circolante. Ma oggi più che mai, in ogni mossa si nasconde un rischio.

Se tagli i costi nell’area sbagliata e potresti trovarti a corto di scorte. Se investi troppo nelle scorte sbagliate, potresti perdere capitale circolante bloccandolo in prodotti che non puoi spostare.

Insomma, si tratta di una situazione terribile. È una situazione di stallo. Ma questo non significa che non si possano aumentare le probabilità di uscirne vincitori.

 

Come si presenta l’utopia del capitale circolante?

capitale circolante cos è

Sebbene non sia necessariamente un buon piano per l’eccellenza aziendale, la colonizzazione di Marte ci potrebbe dare una lezione sull’utilizzo del capitale circolante.

Supponiamo che tu abbia ottenuto un posto sul primo volo in partenza. Sarà un volo lungo, quindi hai messo in valigia un mazzo di carte. Mentre parli con i tuoi compagni di viaggio, ti rendi conto di essere circondato da persone davvero notevoli. E qui sta la prima lezione.

Colonizzare Marte sarà complicato. Probabilmente è ancora più problematico che gestire la supply chain nel periodo pandemico… se riesci a immaginarlo.

Quindi, in scenari difficili come questo, bisogna trarre il valore da ogni opportunità. Non c’è spazio per i passeggeri che non aggiungono valore.

Ogni persona sul volo verso Marte, e quelli della eventuale colonia, devono offrire qualcosa per il bene comune. Devono fare la loro parte. Altrimenti, l’intera impresa potrebbe fallire.

Il capitale circolante proviene da Marte

Su questo pianeta, il tuo capitale circolante deve avere la stessa utilità se vuoi sopravvivere in condizioni difficili.

Le scorte, i debitori e i creditori devono essere gestiti con estrema attenzione e valutati regolarmente.

Proprio come la colonia su Marte, se non si è in grado di finanziare la gestione quotidiana dell’azienda, questa cesserà di essere operativa, interrompendo la fornitura di ossigeno che la tiene a galla.

Allo stesso modo, se si mettono sul volo troppi costruttori, qualcuno rimarrà senza niente da fare. In altre parole, non si vuole che il capitale circolante se ne stia con le mani in mano senza fare nulla, quando potrebbe essere reinvestito dove conta davvero.

Le scorte provengono da Venere

La realtà per la maggior parte delle aziende è che devono trovare il giusto equilibrio tra un’elevata disponibilità di prodotti e un investimento ottimale nelle scorte.

Se si investe in troppe scorte, si avranno presto problemi di flusso di cassa paralizzanti. Se invece non investi abbastanza, ti limiterai a offrire un servizio scadente, che trasformerà gli acquirenti felici in clienti arrabbiati.

Il rischio di magazzino dovrebbe avere un ruolo importante nel tuo percorso di ottimizzazione del capitale circolante. Qualsiasi investimento che sembra solido, ma che vincola il denaro in prodotti che non si vendono mai, è un problema.

E lo stock è un animale diverso dal capitale.

La maggior parte delle scorte ha una durata di conservazione, sia per la loro natura deperibile, sia per il rischio di obsolescenza dovuto al cambiamento della domanda del mercato. Pertanto, un eccesso di scorte crea un rischio enorme.

Le decisioni sbagliate di oggi potrebbero seguirti per mesi, o addirittura anni, nel futuro, soprattutto se i prodotti in cui investi sono poco venduti. Pertanto, è necessario tenere d’occhio la propria traiettoria.

New call-to-action

 

Cosa è il capitale circolante e che impatto ha sulla tua supply chain?

Il capitale circolante, o attività correnti, è costituito dalle attività dell’azienda che possono essere convertite in contanti nel breve termine, ossia in meno di 12 mesi.

Spesso ci viene chiesto se l’inventario fa parte del capitale circolante. La risposta è semplicemente sì. Ma non è l’unica componente a cui pensare.

In questo senso, le principali attività che compongono il capitale circolante comprendono:

  • Inventario
  • Contanti
  • Crediti a breve termine
  • Investimenti

elementi capitale fisso e circolante

Il capitale circolante è essenziale per gestire le attività quotidiane di un’azienda. Questa risorsa finanziaria essenziale è la linfa vitale di qualsiasi organizzazione. Nel contesto della supply chain, il capitale circolante finanzia una serie di attività, tra cui:

Acquisto di materie prime e scorte

Il capitale circolante consente all’azienda di acquistare i materiali e i componenti necessari per la produzione, nonché i prodotti finiti nel caso di distributori e rivenditori. Una gestione efficace del capitale circolante assicura che l’azienda disponga di risorse finanziarie sufficienti per mantenere un flusso costante di forniture.

Pagamenti ai fornitori

Una supply chain forte si basa su relazioni solide con i partner della supply chain. Pagare i fornitori in tempo è un prerequisito per una collaborazione efficace. Il capitale circolante è quindi essenziale per garantire che l’azienda possa pagare i propri fornitori senza ritardi.

Gestione e distribuzione dell’inventario

Il capitale circolante copre anche tutti i costi di inventario o magazzino. Ciò include la movimentazione e il trasporto delle merci, gli affitti dei magazzini e gli stipendi dei lavoratori coinvolti nella supply chain.

 

Come si può sbloccare la liquidità in tutta la supply chain?

Troppe scorte vincolano il capitale circolante che potrebbe essere utilizzato per scopi molto più produttivi, per non parlare del rischio di obsolescenza.

Allo stesso modo, avere scorte insufficienti per soddisfare la domanda di prodotti comporterà una perdita di vendite. Pertanto, è necessario raggiungere l’equilibrio perfetto per soddisfare la domanda dei clienti, senza cadere nella trappola dell’eccesso di scorte.

Ecco alcuni passi pratici che ti aiuteranno a raggiungere il punto ottimale di scorte e a liberare il capitale circolante.

Sfruttare l’EOQ

La formula di Economic Order Quantity (EOQ) ci aiuta a determinare la quantità di prodotto che dovremmo ordinare al nostro fornitore e quando dovremmo effettuare l’ordine per ridurre al minimo il costo complessivo. Per calcolarla, si considerano variabili quali la domanda annuale, il costo amministrativo di ogni ordine e il costo di stoccaggio.

Ottimizzare i livelli di servizio

Avere la massima quantità di prodotto disponibile per soddisfare la domanda dei clienti può sembrare una buona opzione. Tuttavia, avere una disponibilità eccezionalmente elevata significa anche avere costi eccezionalmente elevati e dover impegnare molto capitale circolante. In questo senso, è consigliabile rivedere la propria strategia di assortimento per stabilire quali prodotti richiederanno un livello di servizio elevato (e quindi un elevato investimento in capitale circolante) e quali sono i prodotti per i quali è possibile allentare i fabbisogni di livello di servizio.

Migliorare le capacità di previsione della domanda

Questo è un passo fondamentale per ottimizzare le scorte, perché se non si conosce la domanda è impossibile calcolare correttamente la quantità di prodotto necessaria. Utilizza strumenti e tecnologie di previsione della domanda per prevedere con maggiore precisione i modelli di vendita futuri.

Costruire relazioni più solide con fornitori e clienti

Il modo in cui interagisci con i tuoi partner lungo la supply chain – cioè i tuoi fornitori e i tuoi clienti – e gli accordi che stipuli con loro avranno un impatto anche sul tuo capitale circolante.

L’estensione dei termini di pagamento dei fornitori consente di ritardare i flussi di cassa in uscita e di migliorare il capitale circolante per un certo periodo di tempo. Tuttavia, è importante tenere presente che ritardare il pagamento di una fattura può anche essere dannoso, a seconda del fornitore, in quanto potresti non avere più accesso agli sconti sui pagamenti anticipati. Il punto chiave è che negoziare accordi favorevoli con i tuoi fornitori può aiutarti a migliorare il tuo capitale circolante.

Allo stesso modo, le stesse misure che possono funzionare per migliorare il flusso di cassa con i fornitori funzionano anche per i clienti, ma al contrario. Prima vengono pagate le fatture, prima arriva la liquidità e prima si dispone di un maggiore capitale circolante. Allo stesso modo, dovrai valutare se è nel tuo interesse offrire ai clienti più grandi piani di pagamento più adatti alle loro esigenze, per garantire la loro soddisfazione e cercare di massimizzare la loro fedeltà.

Collaborazione con fornitori e clienti

Oltre a raggiungere accordi vantaggiosi per la tua azienda, è vero che i tuoi clienti, i tuoi fornitori e la tua organizzazione trarranno tutti vantaggio da una maggiore collaborazione. Comunicando sia con i tuoi clienti che con i tuoi fornitori, sarai in grado di anticipare le potenziali fluttuazioni della domanda (nel caso dei tuoi clienti) e le variazioni dell’offerta (nel caso dei tuoi fornitori). In altre parole, se le informazioni fluiscono in entrambe le direzioni, ne beneficeranno tutti.

Create cost savings in the supply chain

Infine, un altro modo per liberare capitale circolante nella tua supply chain è ridurre i costi. Puoi intraprendere alcune delle seguenti azioni.

Ad esempio, accettare un ordine e spedirlo con un camion mezzo vuoto è uno spreco di risorse. Raggruppare più ordini in un numero minore di spedizioni per ridurre i costi di trasporto, ottimizzare i percorsi e ridurre le tariffe di trasporto. Tutte queste azioni e altre simili miglioreranno la disponibilità di capitale circolante.

Allo stesso modo, analizza la struttura attuale della tua rete di distribuzione e valuta se è possibile apportare modifiche per ridurre i costi. Ad esempio, consolidando i magazzini o spostando strategicamente i centri di distribuzione per ridurre al minimo le distanze e i costi di trasporto.

Inoltre, l’automazione delle attività manuali e ripetitive può aumentare la produttività dei lavoratori e persino ridurre i costi della manodopera. Questo vale sia per l’esecuzione della supply chain, ad esempio attraverso l’automazione del magazzino, sia per la gestione della supply chain, attraverso un software di gestione della supply chain che funziona per eccezioni e avvisi.

 

Come puoi misurare l’efficacia del tuo investimento in capitale circolante? Ecco la valutazione prima di prendere il volo:

Come puoi misurare l'efficacia del tuo investimento in capitale circolante?

Diventare esperti di valutazione continua può portare al successo la tua azienda, così come la sua mancanza può far perdere l’ossigeno.
Ecco un paio di metriche da tenere sotto controllo:

Giorni di rotazione del magazzino

Questo semplice rapporto finanziario evidenzia il numero di volte in cui un’azienda ha venduto e sostituito le scorte in un determinato periodo – un dato per il quale si dovrebbe disporre di dati abbastanza solidi.

Ovviamente, quanto più alto è questo parametro, tanto più a lungo sarà vincolato il tuo capitale circolante; per calcolarlo, dovresti basarti sul costo dei prodotti venduti, piuttosto che sui ricavi.

I giorni di rotazione del magazzino sono utilizzati come indice di efficienza. Per calcolare i giorni di giacenza, dividere il costo del magazzino medio per il costo dei beni venduti e moltiplicare il tutto per la durata del periodo, che nella maggior parte dei casi sarà di un anno solare.

Il ciclo di cash-conversion

Il ciclo di trasformazione della liquidità è l’arco di tempo che intercorre tra il pagamento di un ordine di acquisto e la ricezione dei relativi pagamenti.

In poche parole, soldi in uscita contro soldi in entrata, per prodotto.

L’azienda deve naturalmente utilizzare le proprie risorse per finanziare le scorte nel periodo intermedio.

Ma un calcolo importante è “Earn x Turn”: il margine di un prodotto moltiplicato per il numero annuale di stock rotations.

New call-to-action

 

Una checklist per l’ottimizzazione del capitale circolante

Come per molte lezioni sulla supply chain, è possibile accertare solo una parte delle analogie su Marte, fino a quando non si deve procedere all’analisi vera e propria.

Per questo abbiamo stilato una checklist per aiutarti ad applicare la teoria nella pratica: 10 domande da porsi che possono alleviare le tue preoccupazioni sul capitale circolante, 10 quesiti da porre al tuo dipartimento di supply chain, che potrebbero alleviare i tuoi vincoli di cassa.

Rispondi alle 10 domande che seguono per scoprire in che misura il tuo reparto di supply chain gestisce il capitale circolante:

  • Hai visibilità sul tuo attuale investimento di capitale circolante in scorte?
  • Sei in grado di prevedere come evolverà l’investimento del capitale circolante in scorte nel corso del prossimo anno?
  • Confronti regolarmente il tuo attuale investimento in capitale circolante con i risultati ottenuti in passato?
  • I valori del magazzino sono rappresentati nei tuoi sistemi in termini di costo del venduto, prezzo di vendita e unità come standard?
  • Il rischio di inventario relativo alle scorte obsolete è quantificato regolarmente?
  • Le decisioni importanti di acquisto/inventario sono prese in base al rendimento del capitale investito?
  • Il reparto della supply chain riceve una panoramica mensile della posizione del flusso di cassa?
  • Il flusso di cassa viene preso in considerazione quando si prendono decisioni importanti sulle scorte?
  • Hai una solida strategia dei livelli di servizio per dare priorità agli investimenti nei prodotti chiave? Questi parametri vengono rivisti regolarmente?
  • Hai gli strumenti necessari per raccogliere e riportare tutti i dati rilevanti? E soprattutto, disponete di un meeting per discutere e affrontare le sfide del capitale circolante?

 

Esempio di capitale circolante

Il capitale circolante netto (CCN) è la differenza tra gli attivi circolanti e i passivi circolanti di un’azienda ed è un indicatore della sua liquidità a breve termine. Un CCN positivo indica che l’azienda ha più attivi circolanti rispetto ai passivi circolanti, mentre un CCN negativo indica che i passivi circolanti superano gli attivi circolanti.

Ecco un esempio semplificato per calcolare il capitale circolante netto:

Attivi Circolanti:

  • Liquidità (conto in banca): 10.000 euro
  • Crediti Commerciali (somma che i clienti devono all’azienda): 20.000 euro
  • Magazzino (valore degli stock): 15.000 euro

Passivi Circolanti:

  • Debiti Commerciali (somma che l’azienda deve ai fornitori): 12.000 euro
  • Debiti Fiscali (tasse da pagare): 5.000 euro

Calcolo del Capitale Circolante Netto

CCN = (Liquidità + Crediti Commerciali + Magazzino) – (Debiti Commerciali + Debiti Fiscali)

CCN = (10.000 + 20.000 + 15.000) – (12.000 + 5.000)
CCN = 45.000 – 17.000
CCN = 28.000 euro

In questo esempio, il capitale circolante netto dell’azienda è di 28.000 euro. Ciò indica che l’azienda ha una liquidità sufficiente per coprire i suoi passivi circolanti e dispone di risorse disponibili per finanziare le sue operazioni quotidiane.

 

Riflessioni finali sull’ottimizzazione del capitale circolante… buone risposte a domande difficili

Queste domande non sono pensate per essere facili.

Ma se riesci a trovare risposte valide a ciascuna di esse, scoprirai che le tue possibilità di successo aumenteranno.

Sia che tu stia intraprendendo un progetto precario come la colonizzazione di un nuovo pianeta, sia che tu stia semplicemente cercando di mantenere il flusso di cassa, solo le analisi e le strategie giuste ti porteranno al successo.

Non rinunciare a fare questi calcoli su base continuativa.

È un’azienda miope quella che non effettua una rivalutazione continua per vedere dove il capitale potrebbe essere utilizzato meglio.

Come detto, non c’è spazio per i passeggeri sulla tua nave. E ogni euro investito deve guadagnarsi il suo posto.

New call-to-action

Domande frequenti sul capitale circolante

Cos’è il capitale circolante?

Il capitale circolante comprende le attività di un’azienda che possono essere convertite in contanti entro un breve periodo di tempo, solitamente inferiore ai 12 mesi. In generale, questo denaro viene utilizzato per coprire le spese ricorrenti e i crediti a breve termine dell’azienda.

Come si calcola il capitale circolante?

Il calcolo del capitale circolante, anche conosciuto come capitale di lavoro, viene effettuato sottraendo i passivi circolanti (debiti a breve termine) dagli attivi circolanti (risorse disponibili a breve termine). La formula di base è la seguente:

Capitale Circolante = Attivi Circolanti – Passivi Circolanti

In che modo il capitale circolante influisce sulla supply chain?

Il capitale circolante è fondamentale per garantire il funzionamento regolare ed efficiente della supply chain di un’azienda. Incide sulla capacità di approvvigionamento, sui rapporti con i fornitori, sulla gestione delle scorte, sull’agilità e sulla continuità operativa. Pertanto, è importante che le aziende gestiscano e controllino attentamente il loro capitale circolante per mantenere una supply chain efficiente e redditizia.

Come si può liberare il capitale circolante lungo tutta la supply chain?

Un ottimo modo è l’ottimizzazione delle scorte. Migliorando la previsione della domanda, affinando l’assortimento offerto ai clienti dando priorità ai prodotti più redditizi e sfruttando l’EOQ, è possibile liberare capitale circolante lungo tutta la supply chain.

Come può un’azienda creare risparmi nella sua supply chain?

La ricerca di fornitori con prezzi migliori e condizioni di pagamento più favorevoli o la rinegoziazione degli accordi esistenti, l’ottimizzazione delle scorte – evitando l’eccesso di scorte e riducendo al minimo il rischio di obsolescenza – e l’implementazione di sistemi tecnologici e di gestione della supply chain possono migliorare l’efficienza e ridurre i costi associati.

Seleziona la tua localizzazione per vedere contenuto specifico al tuo paese

x