Processo end-to-end della supply chain: come gestirlo con successo

Ana C. Pichot

Ultimo aggiornamento: October 16, 2023 | 4 min

L’interruzione è l’unica certezza nella pianificazione della supply chain. E se l’ultima fonte di sconvolgimento non fosse dovuta a conflitti globali, scioperi o all’insorgere di una nuova pandemia? E se la sfida più recente provenisse da un fattore del tutto inaspettato: il ritorno alla normalità?

Per molti, gli ultimi anni sono stati una tempesta perfetta. Colpiti da persistenti problemi di fornitura a monte, da una domanda irregolare da parte dei clienti e da condizioni economiche difficili, i team di pianificazione hanno avuto molto da fare. Tuttavia, è proprio la normalizzazione della domanda e dell’offerta a mettere in difficoltà le aziende.

Prendiamo ad esempio il mercato delle attrezzature sportive per esterni . Quando i clienti hanno scoperto un nuovo amore per l’esercizio all’aria aperta sulla scia della pandemia COVID-19, la domanda di questo tipo di attrezzature è cresciuta enormemente. Non sorprende che le aziende abbiano aumentato gli investimenti in scorte per soddisfare l’impennata della domanda.

Naturalmente, anche quando la pandemia si è attenuata, le interruzioni della supply chain non hanno avuto molto sollievo. Ciò si è tradotto in un significativo allungamento dei tempi di consegna, che ha spinto numerose aziende a effettuare ordini di dimensioni eccezionali. Questa mossa ha avuto un duplice scopo: ha tenuto il passo con la forte domanda e ha contribuito a contrastare l’impatto negativo di questi tempi di consegna prolungati. 

Tuttavia, con il passare dei mesi, sia la domanda dei clienti che i tempi di consegna hanno iniziato a normalizzarsi. Questo ha fatto sì che molte di queste aziende si trovassero ad affrontare un grave effetto bullwhip. Improvvisamente queste aziende si sono ritrovate sedute su una montagna di scorte in eccesso. Costrette ad agire, molte hanno ridotto i prezzi per incoraggiare i clienti a mettere da parte i loro contanti.

Certo, molti di questi elementi erano imprevedibili e le capacità delle organizzazioni di mitigarli erano limitate. Ma, nel caso di due aziende dello stesso settore, quale sarebbe stata più preparata ad affrontare questa situazione? Quella che aveva visibilità sull’intera supply chain o quella che aveva solo informazioni limitate sugli altri anelli della supply chain?

Non c’è da sbagliare. Molti di questi fattori erano totalmente imprevedibili. E soprattutto, la capacità di queste organizzazioni di influenzarli era limitata. Ma questo non significa che non si potesse fare nulla.

Immagina questo scenario: Stiamo valutando due aziende dello stesso settore, che si rivolgono entrambe alla stessa clientela e si riforniscono dagli stessi fornitori. Su quale azienda punteresti come prima classificata? Quella che si affida a una pianificazione isolata, con un’interazione minima con la supply chain più ampia? O quella che vanta una visibilità cristallina su tutta la rete della supply chain?

Non è una domanda a trabocchetto. Un’azienda che dispone di vere e proprie capacità di pianificazione della supply chain End-to-End (E2E) sarà sempre meglio posizionata per far fronte ai cambiamenti del mercato.

Il processo End to End (E2E) come soluzione alla mancanza di visibili 

Il motivo è semplice. Creando visibilità in ogni punto della catena, queste aziende possono rilevare prima le variazioni della domanda e dell’offerta. Sono in grado di rispondere meglio alle sfide che si profilano all’orizzonte. E condividendo le informazioni con i partner della supply chain, possono collaborare con fornitori e clienti per superare la volatilità (o addirittura la normalità).

Il processo end to end mira a unificare i reparti dell’organizzazione interna per ottenere un’unica fonte di informazioni accurate. Ma il valore della pianificazione E2E consiste nell’allineare le strategie, le tattiche e le azioni di ogni reparto alla visione aziendale più ampia. Di conseguenza, la pianificazione end to end si traduce in una maggiore efficienza e resilienza della supply chain.

I pericoli di una pianificazione per silos

Il peggio della perturbazione potrebbe essere passato (per ora!) Tuttavia, il rischio di una pianificazione per compartimenti stagni e di una mancanza di comunicazione tra i diversi livelli della supply chain è ancora molto presente. Dopo tutto, il business sta diventando sempre più complesso e il numero di canali di vendita continua a crescere 

In questo articolo esploreremo le sfumature della gestione della supply chain E2E, i suoi potenziali vantaggi e come si differenzia dall’approccio tradizionale alla pianificazione della supply chain.  

Gli anelli della supply chain

Ma prima di entrare nel dettaglio, costruiamo le basi stabilendo i diversi collegamenti e processi che fanno parte della pianificazione della supply chain.

Immagina di essere entrato in un negozio online e di aver acquistato quel prodotto che desideravi tanto: una bicicletta nuova di zecca. È stato facile, sei andato sul sito web, hai deciso quale ti piaceva di più e il giorno dopo hanno bussato alla porta e la tua bicicletta era lì.

Per te è stato molto semplice, ma la verità è che qualcuno ha dovuto sviluppare un bel design del prodotto, procurarsi tutte le parti necessarie per realizzarlo, assemblare i diversi componenti e mettere la bicicletta in una scatola. In breve, dall’ideazione del prodotto all’assistenza post-vendita, possiamo distinguere diversi anelli della supply chain:

New call-to-action

Approvvigionamento

In questa fase, le aziende acquistano le materie prime, i componenti e i servizi necessari per produrre il prodotto che commercializzeranno. Le trattative con i fornitori, la valutazione delle loro offerte e l’instaurazione di rapporti commerciali di fornitura sono alcune delle azioni svolte in questa fase.

Produzione

Le materie prime e gli altri semilavorati acquistati nella fase precedente vengono trasformati in prodotti finiti pronti per la vendita. I flussi di lavoro sono pianificati, le risorse sono assegnate e la produzione è monitorata per soddisfare gli standard di qualità e la domanda del mercato.

Distribuzione

Dopo la produzione, l’articolo deve essere trasportato ai centri di distribuzione o direttamente al punto vendita. I prodotti fabbricati vengono veicolati in punti di stoccaggio prima di essere spediti al punto vendita finale o consegnati ai clienti.

Spedizione e consegna all’ultimo miglio 

Questa fase prevede il trasporto dei prodotti dai magazzini ai punti vendita o direttamente ai consumatori.

Vendite

In questa fase, i prodotti vengono promossi e commercializzati per attirare i clienti e concretizzare le vendite. Si tratta di strategie di marketing, pubblicità, promozioni e trattative con gli acquirenti.

Servizio clienti  

Dopo l’acquisto, entra in gioco il servizio clienti. Rispondere alle domande, fornire assistenza tecnica e gestire i reclami o i problemi post-vendita sono alcuni dei compiti più comuni svolti dal team del servizio clienti.

Dobbiamo anche tenere conto dei resi dei prodotti. A questo proposito, la logistica inversa rappresenterà una sfida, soprattutto per le aziende che operano in ambienti omnichannel e che devono gestire diversi canali di vendita e, di conseguenza, anche i resi.

Processo Di Creazione Del Valore (e2e supply chain)

Collegare il processo end to end

Proprio come la supply chain è composta da diversi anelli importanti, la sua pianificazione è costituita da diverse fasi e processi che, se eseguiti senza problemi e senza interruzioni in maniera trasparente ed integrata, si traducono in efficienza operativa.

Ma quando ogni parte della supply chain è gestita in modo isolato e i reparti lavorano a compartimenti stagni, il risultato è una scarsa visibilità tra di loro ed enormi inefficienze su tutta la linea.

Qualcuno di questi “frasi ricorrenti” ti suoneranno familiari:

  • “Abbiamo progettato un prodotto all’avanguardia, ma non avevamo i pezzi giusti per produrlo”.
  • “Il prodotto che abbiamo sviluppato era di altissimo livello, ma i nostri clienti non lo apprezzavano”.

Ebbene si, queste problematiche sono tutte il risultato di una supply chain che manca di visibilità. L’end to end invece si tratta proprio di ragionare in senso collaborativo e implementare processi aziendali efficaci attraverso la condivisione di informazioni della supply chain. Ciò si ottiene attraverso una visione olistica della supply chain e ad una digitalizzazione dei processi che consentono di ottimizzare facilmente le operazioni aziendali riducendo gli sprechi.

Analizziamo come i principi della pianificazione della supply chain end to end si applicano ai principali processi aziendali:

Pianificazione dell’assortimento

Tutto comincia con la decisione di quali prodotti vogliamo offrire ai nostri clienti. Ma come scegliamo cosa è meglio tenere in assortimento? Sicuramente uno dei driver principali può essere quello di tenere quei prodotti che ci aiutano a raggiungere gli obiettivi commerciali. Ciò significa che diventano molto importanti i prodotti che portano alla massimizzazione del margine, quelli con un alto volume di vendite che ci aiutano a soddisfare molti clienti, o gli articoli che i concorrenti non hanno e che permettono di differenziarti.

Pianificazione della domanda

È impossibile fare una pianificazione della supply chain senza prima avere un quadro chiaro della domanda prevista. Anticipare il futuro, utilizzando i dati storici delle vendite, analizzando le tendenze del mercato e valutando gli eventi che possono influenzare la domanda ti permetterà di prevedere meglio i prodotti di cui hai bisogno. Sapere quanto venderai ti permette di eviterai, dove possibile, situazioni di stock-out o over-stock, entrambi estremamente dannosi per la tua attività.

Pianificazione dell’offerta 

Una volta che si conosce la domanda prevista, è necessario avere un piano per soddisfarla e adeguarsi ad essa senza incorrere in eccessi o mancanza di prodotti a scorta. Per raggiungere questo obiettivo è necessario ottimizzare le quantità degli ordini e garantire che le scorte siano disponibili nel posto giusto al momento giusto.

Ottimizzazione dell’inventario

Se la domanda fosse un numero fisso e inamovibile, il lavoro da fare sarebbe molto semplice. Tuttavia, occorre tenere presente che la domanda di molti articoli è volatile, così come i prezzi delle materie prime e la loro disponibilità. Pertanto, l’ottimizzazione dell’inventario consisterà nel prendere in considerazione tutte queste variabili per poter mantenere la massima disponibilità di prodotto al minor costo possibile.

S&OP (pianificazione delle vendite e delle operazioni)

Il Sales and Operations Planning è un elemento chiave del processo end to end. Se la pianificazione E2E si traduce in visibilità lungo tutta la supply chain, il S&OP è il processo che permetterà a tutte le informazioni generate nei vari reparti di essere accessibili e comprensibili per tutte le persone coinvolte nella gestione. Allo stesso modo, sarà anche la procedura attraverso la quale verranno prese le decisioni pertinenti per regolare e ottimizzare il resto dei processi. 

Differenze tra la gestione della supply chain tradizionale e quella end to end

La gestione tradizionale e quella end to end della supply chain hanno un obiettivo comune: ridurre i costi e soddisfare la domanda dei clienti. Tuttavia, la differenza principale tra i due sta nei limiti della gestione tradizionale rispetto a quella E2E. Vediamo alcune delle principali differenze tra i due tipi di gestione:

Visione globale o segmentata 

E2E: Approccia la supply chain come un processo continuo e connesso dai fornitori ai clienti finali, considerando tutte le fasi intermedie e le diverse parti coinvolte.

Tradizionale: Tratta ogni fase della supply chain come un’entità separata, il che può portare a una mancanza di coordinamento e a una visione limitata.

Collaborazione tra le diverse parti della rete e isolamento

E2E: Promuove la collaborazione e la condivisione delle informazioni tra tutti gli anelli della supply chain il che porta ad un processo decisionale più informato e ad una gestione condivisa dei rischi.

Tradizionale: Può mancare la comunicazione e la collaborazione tra le diverse parti della catena, con conseguenti inefficienze e problemi di coordinamento.

New call-to-action

Obiettivi generali e obiettivi individuali 

E2E: Gli obiettivi generali dell’azienda sono la priorità numero uno e per raggiungerli è necessaria la sincronizzazione di tutta la catena. Gli obiettivi specifici di ciascun reparto sono subordinati a quelli dell’organizzazione.

Tradizionale: Spesso si concentra più sull’efficienza interna di ogni fase che sul raggiungimento degli obiettivi generali dell’azienda 

Tecnologia e automazione rispetto ai processi manuali 

E2E: La tecnologia è essenziale per fornire la visibilità necessaria lungo l’intera catena. Allo stesso modo, grazie alla tecnologia, è possibile automatizzare le attività più ripetitive legate alla supply chain e le persone possono concentrarsi sul lavoro a più alto valore aggiunto.  

Tradizionale: è più probabile che si affidi a processi manuali e non disponga di strumenti tecnologici adeguati 

In che modo la tecnologia può supportare un’efficace processo end to end? 

Un processo end to end efficace richiede la giusta tecnologia. Alcune delle caratteristiche di questo tipo di software sono:  

Più visibilità e meno rischi grazie alla simulazione di scenari alternativi 

La pianificazione viene effettuata a ogni livello della supply chain, migliorando così la reattività a breve termine. Le decisioni relative alla supply chain hanno ovviamente un impatto sulle operations. Inoltre, possono avere effetti su altri reparti dell’azienda. Per questo motivo, anticipare e mitigare il rischio di queste decisioni è fondamentale. A tal fine, l’utilizzo di una tecnologia Digital Twin per mitigare l’impatto di queste decisioni è un grande vantaggio.

Migliorare l’integrazione

La giusta tecnologia E2E fornirà ai team di lavoro una piattaforma completamente integrata per una pianificazione più efficace della supply chain. Puoi dire addio a tecnologie della supply chain disgiunte che coprono solo una parte delle tue operazioni. 

Visualizzazione più completa dei KPI  

Avrai visibilità in tempo reale su KPI e metriche di performance segmentate per gamma di prodotti, sedi locali e globali e altri filtri. Contestualizzando le metriche attraverso le conoscenze del tuo team, otterrai le informazioni necessarie per fare la differenza e per prendere le decisioni migliori in tempi brevi. 

Fasi di implementazione del processo end to end  

Abbiamo già esaminato i vantaggi e le principali differenze tra un approccio di pianificazione tradizionale e uno end to end. I vantaggi di quest’ultimo, soprattutto nelle supply chain complesse, sono numerosi, ma come si passa dal modello tradizionale a quello E2E? 

Valutazione delle risorse esistenti 

Prima di intraprendere la trasformazione in un modello di gestione della supply chain E2E, è essenziale valutare a fondo le risorse esistenti. Questa analisi ti fornirà informazioni sulle lacune tecnologiche, sui colli di bottiglia nei processi e sulle limitazioni delle risorse che devono essere affrontate durante l’implementazione. Tieni presente, inoltre, che questo processo richiede investimenti, impegno da parte dei team coinvolti chain e fiducia da parte del consiglio di amministrazione.  

Definire obiettivi chiari  

Gli obiettivi definiti in maniera chiara prima di intraprendere un progetto per il miglioramento della Supply Chain end to end sono fondamentali per il successo. Vuoi migliorare i tempi di consegna? Ridurre i costi operativi? Aumentare la soddisfazione dei clienti? Qualunque siano gli obiettivi fissati, devono essere chiari e misurabili 

Selezione della tecnologia giusta 

La scelta della tecnologia giusta è fondamentale. Questa fase comporta una ricerca approfondita e la considerazione di soluzioni software in linea con le dimensioni, la complessità e i requisiti della tua organizzazione. 

Raccolta e pulizia dei dati 

Dati accurati e puliti sono alla base di una pianificazione efficace della supply chain. Prima dell’implementazione, è necessario impegnarsi per raccogliere e pulire i dati storici. Dati puliti e coerenti sono la base per previsioni e piani che aiutano a prendere decisioni corrette nella supply chain.  

Progettazione del flusso di lavoro E2E 

La progettazione di un flusso di lavoro end to end comporta la mappatura di ogni fase del processo della supply chain. Questa fase consente di evidenziare le relazioni tra i dipartimenti, i potenziali colli di bottiglia, le soluzioni alternativi e le opportunità di ottimizzazione dei processi.

Implementazione e formazione degli utenti 

Una volta selezionata la tecnologia e svolte tutte le fasi precedenti in collaborazione con il fornitore di software prescelto, deve seguire l’implementazione. Allo stesso tempo, gli utenti devono essere formati e dotati delle competenze necessarie per garantire unadozione e un utilizzo corretto senza problemi del nuovo strumento. 

Monitoraggio e ottimizzazione continua

Le supply chain sono dinamiche e nel tempo è necessario apportare modifiche. Il monitoraggio costante dei KPI e la raccolta di feedback da parte del team a contatto con la tecnologia consentiranno di ottimizzare costantemente la supply chain.

Un esempio di cliente reale: Come il processo end to end può guidare la tua crescita 

Alipensa è un grande gruppo di distribuzione di beni di consumo che, nell’ultimo decennio, ha aumentato il proprio fatturato del 40% e ha aperto 15 supermercati e 2 centri Cash and Carry. Allo stesso tempo, lo sviluppo del business ha comportato anche un aumento della complessità delle operations di Alipensa. Per mantenere questa crescita in modo sostenibile, l’azienda ha deciso di affidarsi a Slimstock e di implementare Slim4 per gestire la propria supply chain. 

Eravamo a un punto di espansione in cui avevamo bisogno di un software come Slim4 per continuare a crescere in modo ordinato”, afferma Pedro Márquez Padillo, Direttore della logistica del Grupo Alipensa. Dopo aver adottato lo strumento, l’azienda ha aumentato il livello di servizio di 8 punti, raggiungendo il 98% in 9 mesi. Questo ha permesso all’azienda di mantenere la disponibilità dei prodotti mentre continuava a crescere.  

Alipensa Caso Exito

D’altra parte, Slim4 consente anche ad Alipensa di rilevare le promozioni dei fornitori per sfruttare le opportunità di acquisto ed effettuare il processo di rifornimento alle condizioni più favorevoli possibili. Questo è solo un esempio dei vantaggi derivanti dalla visibilità su tutti gli anelli della supply chain (pianificazione E2E). 

Leggi l’articolo completo su Alipensa e Slimstock (Versione spagnola).

Le sfide dell’implementazione del processo end to end 

Quando si affronta limplementazione di un tale processo end to end, si possono incontrare una o più delle seguenti sfide 

La collaborazione interna è essenziale: Per il successo del progetto, sono essenziali la collaborazione del team e una comunicazione chiara e trasparente in tutte le direzioni

Raggiungere accordi con i fornitori: La collaborazione con l’anello a monte della catena è necessaria per una pianificazione E2E efficace. In questa situazione, la comprensione dei comportamenti passati può consentire di anticipare quelli futuri e quindi di sapere con quali fornitori sarà più facile trattare.

Conoscere bene il cliente: Per soddisfare correttamente la domanda dei tuoi clienti, devi sapere cosa vogliono, come lo vogliono e quando lo vogliono.

Leadership convinta: Per portare avanti il progetto E2E, è necessario che a guidarlo siano persone che si trovano ai vertici dell’azienda e che ci credono davvero nelle potenzialità del progetto.  

Conclusioni e spunti di riflessione per il  processo end to end

In questo articolo abbiamo analizzato in dettaglio il significato dei processi end to end. Abbiamo esaminato i suoi potenziali vantaggi, i passi da compiere per implementarla nella tua azienda e alcune potenziali “insidie” che potresti incontrare durante la sua implementazione.

In sintesi, è giusto sottolineare che il processo di passaggio dalla pianificazione tradizionale a quella end to end non è rapido e richiede l’impegno di tutta l’organizzazione. Ma i vantaggi potenziali sono così grandi che bisogna assolutamente cogliere questa opportunità. Il prezzo da pagare per non intraprendere il cambiamento sarebbe troppo alto per le organizzazioni moderne.

Secondo la nostra esperienza, alcune buone pratiche da tenere a mente durante il processo di implementazione sono:  

  • Assicurarsi che il personale dell’organizzazione sia preparato. Se non lo è, fornirli una formazione adeguata.   
  • Definire gli obiettivi per ogni punto della supply chain. Determinare le metriche per misurare il successo dell’implementazione (KPI)
  • Utilizzare gli strumenti tecnologici giusti, investire nei sistemi e mantenere i dati puliti per ottenere informazioni affidabili. 
  • Implementare un processo S&OP efficace. Date un’occhiata alla nostra soluzione E2E.
  • Generare e cercare alleanze strategiche con fornitori e clienti. 

In questo modo, faciliterai l’implementazione del processo end to end in modo agile ed efficiente 

New call-to-action

Domande Frenquenti

Cosa è il processo end to end?

Il processo end to end consiste nel coordinare tutte le fasi della supply chain, dall’approvvigionamento delle materie prime, alla produzione, alla distribuzione e alla logistica, fino alle vendite e all’assistenza ai clienti. Questo approccio mira a migliorare l’efficienza e a ridurre i costi eliminando le ridondanze e migliorando la visibilità lungo la supply chain. Integrando sistemi, dati e processi, si riducono al minimo i tempi di consegna, si anticipano i problemi e si ottiene una supply chain più agile e flessibile alle richieste del mercato. 

Quali sono i rischi di una pianificazione della supply chain isolata?

Una pianificazione della supply chain a blocchi comporta rischi sostanziali, in quanto crea inefficienze, mancanza di coordinamento, difficoltà nell’anticipare la domanda, problemi di qualità, rischi di conformità, tempi di risposta lunghi, innovazione limitata e decisioni meno informate. La mancanza di visibilità e di coordinamento nelle singole fasi comporta costi operativi più elevati, ritardi di produzione e di consegna, difficoltà di adattamento ai cambiamenti del mercato e una minore capacità di prendere decisioni strategiche basate su dati completi. 

Cosa è la pianificazione della supply chain?

La pianificazione della supply chain è il processo di progettazione e coordinamento delle attività e delle risorse coinvolte nella gestione, in modo efficiente ed efficace. Comporta la creazione di strategie e piani dettagliati per garantire che i prodotti e i servizi arrivino dai fornitori ai clienti in modo tempestivo ed efficiente, minimizzando i costi e massimizzando la soddisfazione dei clienti. Alcuni dei processi inclusi nella pianificazione della supply chain sono la pianificazione dell’assortimento, la pianificazione della domanda, la pianificazione dell‘offerta, l’ottimizzazione delle scorte e il S&OP (Sales and Operations Planning). 

Qual è il ruolo della tecnologia nella pianificazione della supply chain end to end?

La tecnologia è essenziale nel processo end to end della supply chain, migliorando la visibilità, l’efficienza e il processo decisionale. I sistemi di previsione della domanda e lanalisi dei dati consentono scelte p informate. Allo stesso modo, la tecnologia consente di monitorare in tempo reale le prestazioni della supply chain, oltre ad automatizzare i processi e a stabilire un modello di gestione per eccezione in cui i pianificatori possono concentrarsi sulle attività a vero valore aggiunto 

Seleziona la tua localizzazione per vedere contenuto specifico al tuo paese

x