Rifornimento di Prodotti – Come far lavorare meglio l’inventario

Il rifornimento di prodotti è un’arte oscura. Se si riesce a dominare questo paradigma essenziale della supply chain, si viene ricompensati generosamente. Se invece si sbaglia, si viene puniti a ragione.

Cominciamo dalle basi. Con questo intendo il nostro concetto preferito di supply chain: il rifornimento di prodotti consiste nel portare le scorte giuste nel posto giusto, al momento giusto.

Se abbiamo imparato qualcosa dagli ultimi anni, la disponibilità è la regina. E in questo contesto di sconvolgimenti, il rifornimento rapido ed efficiente deve avvenire se non si vuole scomparire nell’insignificanza.

Come assicurarsi che ciò avvenga? Cosa si può fare per ottimizzare il processo di rifornimento?

In questa guida ci addentreremo nel tema del rifornimento. Senza dubbio, molti degli argomenti trattati saranno familiari. Ma speriamo che qui ci siano alcune perle che aiutino non solo ad aumentare la disponibilità, ma anche a ridurre i costi.

Quindi, iniziamo…

Cos’è il rifornimento di prodotti?

Il rifornimento di prodotti è il processo di movimentazione delle scorte lungo la supply chain per soddisfare la domanda dei clienti in modo puntuale e completo.

Rifornimento delle scorte, rifornimento di prodotti, rifornimento degli scaffali o anche rifornimento dei magazzini: chiamalo come vuoi. Si tratta di un aspetto fondamentale della gestione delle scorte che aiuta a mantenerle equilibrate e a mantenere livelli ottimali di disponibilità.

L’obiettivo è far fluire i prodotti.

Dal riordino dei materiali o dei prodotti per la produzione, allo spostamento dei prodotti dai centri di distribuzione centrali alle sedi regionali e locali, fino al rifornimento del webshop, il successo dell’attività dipende dalla capacità di rifornire le scorte in modo efficace.

La maggior parte delle aziende non dispongono del capitale circolante necessario per stoccare ogni SKU ai livelli richiesti per ottenere una disponibilità del 100%.

Invece, devono bilanciare i costi di mantenimento delle scorte, ad esempio i costi di magazzino, i costi di opportunità e la limitazione del cashflow, con il rischio di non averne a sufficienza. Ad esempio, il mancato raggiungimento degli obiettivi di vendita o i costosi backorder.

Un buon rifornimento delle scorte manterrà gli scaffali pieni e il team finanziario sorridente. Un cattivo rifornimento di prodotti causerà solo mali di testa.

 

Cartoon Paniking Because Of Stock Replenishement

 

Perché è importante il rifornimento di prodotti?

Non giriamoci intorno. Un rifornimento delle scorte inefficiente ha un impatto enorme sulla attività.

Si potrebbero perdere le vendite se non si dispone delle scorte necessarie per soddisfare gli ordini. Allo stesso modo, si potrebbero dover sopportare costi in eccesso o ribassi se le scorte sono eccessive.

L’eccesso di scorte può sembrare una soluzione facile a un problema complesso, ma spesso è la scelta più costosa.

Quanto più efficaci sono i sistemi di rifornimento dell’inventario, tanto più efficiente è il flusso delle scorte nell’azienda e lungo la supply chain.

Quanto maggiore è la disponibilità delle scorte, più alti sono i livelli di servizio dell’azienda. E di conseguenza i clienti saranno più soddisfatti.

Il sistema di rifornimento dell’inventario può avere un impatto significativo sull’esposizione al rischio e sulla sicurezza della situazione finanziaria generale.

I principali vantaggi di un rifornimento efficace includono:

1. Prevenzione dello stock-out

Ci saranno sempre fattori al di fuori del nostro controllo. Può capitare di essere colpiti da carenze di approvvigionamento e di non poter fare nulla. O forse i prodotti diventano una sensazione di Tik Tok durante la notte e si viene colpiti da un’ondata di domanda inaspettata. Potresti essere in grado di sopportare un occasionale stockout.

Ma se non fosse così? E se l’esaurimento delle scorte fosse la conseguenza di una cattiva pianificazione?

Un cliente che cerca di spendere soldi con te e non riesce a farlo, è un problema. A tutti noi sarà capitato di guardare un articolo su Internet e vedere il temuto messaggio “esaurito”.

La scelta successiva è semplicemente quella di rivolgersi a un altro fornitore.

Il cliente può farlo con pochi clic. La fedeltà al marchio si basa sulla capacità di fornire ciò che il cliente desidera, quando lo desidera. Per dare un numero, una recente indagine ha evidenziato che la scarsa disponibilità costa ai rivenditori americani la scioccante cifra di 200 miliardi di dollari ogni anno!

Ma anche se il cliente è disposto ad aspettare, quanto tempo passerà prima che diventi impaziente?

Poche aziende possono affermare di aver costruito con successo un impero sugli ordini arretrati. Un cliente che aspetta più del previsto per un ordine e poi non lo riceve affatto lascia un sapore ancora peggiore in bocca.

Quindi, se stai valutando il tuo sistema di rifornimento, chiediti: quanti ordini prendi che non puoi soddisfare immediatamente? E cosa fai se non riesci a procurarti le scorte?

Tanto gli arretrati come le scorte sono causa di frustrazione per i clienti. Ma un rifornimento efficace è un modo intelligente per rendere felici i tuoi clienti.

2. Ridurre al minimo l’eccesso di scorte

Come la mancanza di scorte sufficienti, anche l’eccesso di scorte può avere un impatto sui profitti.

Un rifornimento di prodotti troppo precoce o che non tenga conto della domanda dei clienti può causare un accumulo di scorte nei posti sbagliati.

E qui inizia il gioco!

L’eccesso di scorte è un grosso problema. Se non mi credi, clicca qui per leggere il nostro articolo sull’eccesso di scorte.

In breve, tenere un inventario che non serve è costoso. Impegna il capitale circolante e ci espone al rischio di obsolescenza.

Dopotutto, molti prodotti tenuti in magazzino hanno una data di scadenza. Si tratta di prodotti che potrebbero diventare invendibili se rimangono fermi per troppo tempo, tra cui alimenti e bevande o prodotti cosmetici.

Ma anche quelli senza data di scadenza potrebbero essere sostituiti da nuove versioni.

I clienti non accetteranno frutta ammuffita. E se si tratta di vestiti o di ricambi per auto, chi vuole lo stile della scorsa stagione?

Un sistema di rifornimento intelligente può evitare che questo scenario diventi una realtà!

New call-to-action

3. Ridurre i costi di spedizione

Spostare le scorte in tutta l’azienda è costoso. Ed è ancora più costoso se si deve pagare due volte!

Non utilizzare lo spazio su ogni pallet, in ogni spedizione, può significare pagare per spostare solo aria. Un hobby costoso per il quale il team finanziario non ci ringrazierà.

Allo stesso modo, dover pagare per trasferimenti interni o per ordini accelerati perché le scorte sono nel posto sbagliato non ci farà vincere il premio di dipendenti del mese.

Con un sistema di rifornimento efficace, si può assicurare che ogni pallet, ogni contenitore e ogni ordine sia ottimizzato per sfruttare al meglio lo spazio disponibile. Questo è un modo sicuro per rimanere il più efficienti possibile.

A sua volta, questo ridurrà il numero di consegne, e quindi i chilometri percorsi. Il che aiuterà le emissioni di carbonio e il pianeta.

Il tutto mantenendo un’elevata disponibilità per la preoccupazione numero uno. Il cliente.

Come funziona il rifornimento di prodotti?

È importante che le scorte siano sempre rifornite. Su questo siamo d’accordo!

Ma adesso? Come si può ottimizzare l’intero approccio al rifornimento?

Nella prossima sezione esploreremo alcuni sistemi di rifornimento collaudati e il loro funzionamento pratico.

 

Cartoon Holding Stock Replenishment Stores

Sistemi di rifornimento dell’inventario

Quando si parla di sistemi di rifornimento delle scorte, esistono due opzioni principali: Push o Pull.

Il metodo Push:

Questo metodo è una strategia di rifornimento delle scorte in cui ci si affida alle previsioni per prendere decisioni proattive sul rifornimento.

Ciò significa utilizzare una previsione statistica della domanda futura per pianificare il modo migliore per spingere le scorte nei centri di distribuzione principali, nei magazzini regionali e nelle filiali locali.

Un sistema di rifornimento progettato in questo modo sarà sempre di natura più ampia e potrebbe mancare dell’agilità e della sensibilità necessarie per rispondere ai cambiamenti della domanda.

Inoltre, il sistema push è efficace solo quanto le previsioni su cui si basa. E per costruire una buona previsione, occorrono dati e strumenti per trasformarli in informazioni solide.

Top tip: scopri se il tuo approccio alle previsioni è all’altezza con la nostra guida alla pianificazione della domanda.

La prevenzione è sempre la cura migliore!

Esempio di rifornimento di prodotti #1: il metodo push in azione

Immagini di essere un retailer.

Mentre l’inverno sta finendo, stai guardando alla nuova linea primaverile. Dopo aver valutato la domanda, il centro di distribuzione deve iniziare a spedire gli articoli in tutta la rete di sedi e canali di vendita. Ma bisogna anche preoccuparsi di come mantenere tutti i negozi riforniti per tutta la stagione.

C’è un numero ineludibile di incognite. Quali linee si venderanno meglio delle altre? La domanda di tutte le regioni sarà la stessa e seguirà gli stessi schemi?

Ma utilizzando il metodo push, avrai almeno molti dati relativi a prodotti correlati. E sarà possibile utilizzare queste informazioni per costruire una previsione solida su cui basare le decisioni di rifornimento.

L’utilizzo di questo modello di rifornimento ci permette di decidere in modo razionale quanto inventario “spingere” in ogni negozio o canale di vendita.

Il metodo Pull

L’altra opzione per una strategia di allocazione e rifornimento è il metodo pull.

Questo metodo utilizza i dati sulla domanda per anticipare il comportamento dei clienti nel punto più basso della catena.

Spesso basato sulle vendite effettive dei prodotti in ogni sede, il sistema pull si concentra sulle esigenze immediate e a breve termine dei clienti.

Uno dei vantaggi del sistema pull è che può gestire le sfumature delle esigenze dei singoli clienti in modo più flessibile rispetto a un sistema push. Ciò può significare una posizione migliore per rifornire un articolo specifico in un luogo specifico in base ai desideri dei clienti.

Se utilizzato con un approccio di base basato sui punti di riordino, una volta che le scorte scendono al di sotto di un certo livello, si “prelevano” altre scorte dalla supply chain a monte.

Il problema di questo sistema di rifornimento è che è difficile da ottimizzare. Infatti, se ci si concentra sui requisiti di ciascuna sede, si rischia di perdere di vista il quadro generale.

Ad esempio, se tutte le sedi lottano per le scorte, cosa si fa se non ci sono scorte a sufficienza?

Allo stesso modo, se si raggiunge il livello ottimale di scorte in una sede, cosa significa per il resto della rete? Senza considerare i requisiti complessivi di inventario, molte aziende cadono nella trappola di tenere troppe scorte.

Esempio di rifornimento di prodotti #2: il metodo push in azione

Supponiamo che vendi biciclette.

Nel centro di distribuzione hai un ampio inventario di biciclette nuove e di tutti i pezzi di ricambio e gli accessori che un cliente può desiderare.

Con il sistema di rifornimento pull, si segue attentamente la domanda giornaliera nella propria rete di negozi per determinare quando è necessario rifornire le scorte e quante scorte devono essere inviate.

Una volta che i livelli delle scorte scendono al di sotto di un certo livello in qualsiasi negozio, il team di pianificazione si attiva per inviare più scorte.

Le migliori pratiche di rifornimento di prodotti

Vediamo ora alcune best practice per garantire un rifornimento ottimale delle scorte all’interno della azienda.

 

Stock Replenishemnt Process

 

1. Proprietà e responsabilità – determinare chi è al posto di comando

Le decisioni di rifornimento possono essere centralizzate o decentralizzate.

Negli ambienti centralizzati, le decisioni di rifornimento sono prese da un team centrale. IL HQ. Il centro nevralgico.

Il vantaggio principale è che questo team centrale ha visibilità sull’intera rete e può quindi ottimizzare il rifornimento in tutta l’azienda.

Questo sistema consente di ottenere livelli elevati di disponibilità con un livello inferiore di scorte complessive.

Negli ambienti decentralizzati, sono le singole sedi a prendere le decisioni di rifornimento.

Il vantaggio è che una filiale o un negozio locale può avere un rapporto più intimo con il cliente finale. Sono in prima linea e parlano con i clienti ogni giorno. Pertanto, possono avere una visione migliore di quella che potrebbe produrre una previsione da sola.

È più facile ottimizzare il rifornimento in base alle esigenze dei clienti se si conoscono più a fondo tali esigenze.

Il problema è che il rifornimento decentralizzato può portare a una pianificazione disarticolata.

Se si consente alle singole sedi di prendere decisioni isolate sui requisiti di inventario, il rischio di eccesso è maggiore in tutta l’azienda.

L’effetto “bullwhip” ha quindi maggiori probabilità di incidere sull’efficienza operativa.

Non si può inoltre ignorare il tempo e le conoscenze necessarie per ottimizzare il rifornimento. Dopo tutto, ci sono molti elementi in movimento a cui pensare. Per citarne alcuni, è necessario considerare:

  • Tempi di consegna
  • Il rischio di ritardi nei tempi di consegna
  • Piani di consegna
  • Limiti di durata degli scaffali
  • Vincoli operativi (ad esempio, quante scorte si possono tenere nel magazzino)
  • Promozioni ed eventi attivi
  • MOQ e IOQ
  • Stagionalità
  • Attività dei concorrenti locali

L’elenco potrebbe continuare a lungo. Ma tutto ciò potrebbe finire per distrarre il cliente.

2. Non sottovalutare l’importanza di buoni dati

Un rifornimento efficace richiede buoni dati. Si deve sapere quante scorte si hanno. È necessario sapere dove si trovano. E bisogna capire i costi di trasporto e di movimentazione.

Tutti questi elementi avranno un impatto significativo sulla scelta di rifornire poco e spesso o di rifornire grandi volumi, ma con poca frequenza.

3. I forecast sono amici

Previsioni solide possono essere un salvavita nel percorso verso un rifornimento perfetto.

Il rifornimento di prodotti consiste nel guardare avanti e capire quanto si potrà o non si potrà vendere in futuro.

Pertanto, le previsioni sono fondamentali per prendere decisioni corrette.

Alcune domande per aiutarti con la strategia:

  1. Le previsioni sono sufficientemente reattive?
  2. Guardano agli orizzonti giusti?
  3. Hai i mezzi per identificare gli outlier? E sei in grado di gestirli di conseguenza?
  4. È possibile aggregare e disaggregare facilmente le previsioni per ottenere la migliore visibilità possibile sulla domanda futura?

4. Imparare dagli errori

In un mondo perfetto, il sistema di rifornimento dovrebbe allineare perfettamente l’offerta alla domanda. Non avresti mai avuto problemi di scorte e l’eccesso d’inventario sarebbe stato un ricordo del passato.

Le operazioni sarebbero agili e vicine ai clienti come quelle di un sistema decentralizzato, ma con l’efficienza di un’operazione centralizzata.

Purtroppo, non viviamo in un mondo perfetto.

Ci saranno sempre degli squilibri.

Piccoli squilibri si potrebbero accettare. Ma in caso di livelli elevati di eccesso, di ordini arretrati o semplicemente di incertezza e inefficienza generale, è importante indagare.

Se non si capisce la causa, non si può lavorare a una soluzione:

  • Si tratta di errori umani? È possibile risolvere questi problemi con la formazione o con processi più rigorosi?
  • La domanda è cambiata strutturalmente? Se sì, come?
  • È necessario ripensare la strategia di approvvigionamento?

5. Impiegare gli strumenti giusti per il lavoro

Se si deve gestire il rifornimento per una sola sede e per un numero ridotto di SKU, si può usare tranquillamente un foglio di calcolo.

Ma quando la complessità aumenta, i fogli di calcolo cominciano a non funzionare più.

È possibile che si debba prevedere il rifornimento per più sedi? Oppure, i clienti acquistano su più canali e ne state aggiungendo un altro al mix?

Se si organizzano eventi e promozioni frequenti, anche la migliore formula di Excel potrebbe essere messa a dura prova. Semplicemente, non è una soluzione abbastanza robusta da garantire una stabilità a lungo termine nella gestione delle scorte e del rifornimento.

Questo è particolarmente vero se si ha un gran numero di prodotti da pianificare, ognuno dei quali ha un comportamento della domanda molto diverso.

Oppure se la domanda è estremamente volatile e bisogna adeguare continuamente le previsioni.

Se non si hanno a disposizione gli strumenti giusti per gestire il rifornimento di prodotti, si rischia di trovarsi in difficoltà prima ancora di iniziare.

Per fortuna c’è una risposta.

I rischi di un rifornimento di prodotti inefficiente possono essere gravi. E le ricadute possono riguardare l’intera azienda.

Vendite. Finanza. Marketing. Operazioni. Tutti soffrono se il cliente non riesce a ottenere i prodotti che desidera. E un cliente insoddisfatto può significare un duro colpo per i profitti.

È quindi un rischio che l’azienda non dovrebbe essere disposta a correre.

Ottimizza la azienda contro le insidie del rifornimento delle scorte. Esamina i consigli di questo articolo e proteggiti dallo scenario peggiore. Predisponi piani di emergenza.

Se hai difficoltà a mantenere un rifornimento rapido ed efficiente, Slimstock ha aiutato oltre 1500 aziende. Ti aiuteremo a snellire il tuo processo e ti forniremo uno strumento molto più accurato e facile da usare di un foglio di calcolo.

Scopri come potresti beneficiarti della nostra piattaforma di ottimizzazione della supply chain, Slim4.

FAQs sul rifornimento de prodotti e sul riapprovvigionamento

Cos’è il rifornimento di prodotti?

Il rifornimento di prodotti è il processo di riassortimento delle merci in un centro di distribuzione, in un magazzino regionale o in una filiale locale. In genere, si tratta di monitorare i livelli delle scorte, prevedere la domanda futura e determinare la quantità d’ordine più economica. L’obiettivo del rifornimento di prodotti è garantire che gli articoli siano sempre disponibili per i clienti, riducendo al minimo i costi di mantenimento delle scorte in eccesso.

Come si fa a sapere quando rifornire le scorte?

Esistono diversi metodi per determinare quando rifornire le scorte. Tra questi vi sono i seguenti approcci:
1. Punto di riordino;
2. Consumo delle scorte di sicurezza;
3. Quantità d’ordine economica (EOQ);
4. previsioni e analisi dei dati;
In definitiva, il metodo migliore per il rifornimento delle scorte dipenderà dalle circostanze specifiche della vostra azienda.

Quali sono le due strategie di rifornimento di prodotti?

Come abbiamo detto in questo articolo, le due principali strategie di rifornimento di prodotti comprendono i metodi push e pull.
Entrambe le strategie presentano vantaggi e svantaggi e la scelta della strategia dipende dalle circostanze specifiche dell’attività in questione.

Come si gestisce il rifornimento di prodotti?

Il sistema di rifornimento si articola in diverse fasi:

  1. Determinare la strategia e i parametri di inventario;
  2. Impostare i punti di riordino in base al livello di servizio target, al lead time, al tasso di consumo e ai requisiti di sicurezza delle scorte;
  3. Monitorare i livelli di inventario rispetto alle previsioni della domanda o ai livelli attuali delle scorte;
  4. Effettuare gli ordini di rifornimento non appena i livelli di inventario scendono al di sotto del punto di riordino.
  5. Rivedere, regolare e ottimizzare il sistema di rifornimento per ottenere ulteriori miglioramenti dell’efficienza operativa.

New call-to-action