Seleziona la tua localizzazione per vedere contenuto specifico al tuo paese

x

Blue Slimstock

Collaborate con i vostri fornitori!

Collaborate With Your Suppliers

Molte aziende investono una grande quantità di tempo e di sforzi per sviluppare processi interni solidi che garantiscano la disponibilità e tengano sotto controllo i costi. Sebbene l’importanza delle regole aziendali e dei flussi interni non possa mai essere trascurata, i leader aziendali devono tenere a mente un aspetto cruciale: un’azienda è forte quanto il suo fornitore più debole!

MORE INFO

Una volta eliminate le scorte obsolete e ottimizzato l’assortimento, è il momento di avviare il terzo progetto di miglioramento. In questo caso, l’attenzione deve essere rivolta alla creazione di relazioni più proficue con i fornitori. Dopo tutto, le prestazioni dell’azienda dipendono in larga misura dalle consegne dei fornitori.

Considerate le seguenti osservazioni:

  • Ordinate più scorte del necessario perché il fornitore ha un quantitativo minimo d’ordine.
  • Ordinate scorte aggiuntive per compensare l’incertezza della domanda durante i tempi di consegna.
  • Si detengono scorte di sicurezza aggiuntive per far fronte a eventuali scostamenti nell’accordo di consegna con il fornitore.

 

In tutti questi scenari, l’azienda deve effettuare ingenti investimenti in scorte per compensare le scarse prestazioni dei fornitori. Ma è davvero questo l’approccio migliore? Per aiutarvi ad adottare relazioni più efficaci, abbiamo delineato 4 aree chiave per aiutarvi a ottimizzare la vostra strategia di gestione dei fornitori.

 

Fase 1: Determina la tua posizione negoziale

La rinegoziazione dei contratti e la modifica dei requisiti dei prodotti spesso dipendono sia dal vostro rapporto con il fornitore sia dalla sua dipendenza da voi. Se, ad esempio, un articolo che avete identificato attraverso l’analisi ABC è un articolo A per voi, ma solo un articolo C per il vostro fornitore, questo vi pone ovviamente in una posizione di debolezza nella negoziazione. È anche importante sapere se i vostri fornitori producono prodotti solo per voi o se vi riforniscono dal magazzino.

 

Fase 2: Misura le prestazioni reali

Uno strumento importante da considerare quando si valutano i fornitori è la loro performance di consegna. Il KPI più comune da misurare in questo caso è il tasso On Time In Full (OTIF): qual è la percentuale ordini consegnati completi e in tempo?

Inoltre, è importante considerare anche lo scostamento dei tempi di consegna effettivi: l’ordine è arrivato alla data di consegna concordata come previsto? Dopo tutto, c’è una grande differenza se il fornitore consegna un giorno prima o dopo rispetto a quando l’arrivo è ritardato di diverse settimane.

Misurando le prestazioni di consegna dei vostri fornitori, dovreste notare un naturale miglioramento. Tuttavia, se così non fosse, è il momento di fare un discorso serio.

 

Fase 3: Ottimizzare le quantità degli ordini

Nel progetto precedente abbiamo evidenziato come sia possibile determinare le quantità ottimali degli ordini. In realtà, però, non è possibile realizzare questi livelli se i fornitori hanno quantità minime d’ordine (MOQ) “rigide”. Ma chi determina effettivamente questi MOQ? In molti casi, una semplice telefonata al fornitore rivelerà che raramente sono fissati nella pietra e potrebbero anche non essere più rilevanti. C’è sempre spazio per la negoziazione!

 

Fase 4: Condividere le informazioni

I vostri fornitori possono spesso fornire un servizio più rapido e affidabile se sanno quali ordini si aspettano da voi. Condividendo le previsioni, il fornitore può anticipare meglio la domanda futura. Esistono molte tecnologie avanzate per sfruttare la collaborazione. Tuttavia, anche il semplice invio di un’e-mail con le previsioni della domanda può dare ottimi risultati!